Ad esser sinceri conosco Tania da diversi anni, ma questa è stata la prima occasione per lavorare assieme…

La sua richiesta è stata chiara: ho un atelier, ho degli abiti un po’ particolari, perchè non mi proponi qualche idea per fotografarli? Da qui abbiamo iniziato a fantasticare su come inserirli in un contesto interessante ed accattivante. Le scene sono state pensate durante i sopralluoghi nel centro storico di Vicenza tra me e Davide il videomaker. Una volta trovate le ragazze e il trucco il gioco è iniziato, più o meno. La prima sessione è stata investita da un temporalone estivo che ci ha costretto ad interrompere il set a metà, ma ci ha dato la possibilità di raccogliere delle clip piuttosto interessanti per il video bts. Abbiamo recuperato dopo un paio di settimane con la seconda sessione che è stata decisamente graziata, così da arrivare ad avere tutto il materiale!

Ecco il riassunto di tutto il lavoro!!

 

La parte fotografica è stata piuttosto elaborata, in totale il lavoro è composto da 11 fotografie, tutte in location diverse e con un filo logico che segue quello della storia. La fase di preparazione è stata fondamentale, come sempre!! Considerando il fatto di non essere in studio il set luci doveva essere molto leggero e veloce da montare, smontare e spostare, ma soprattutto a batteria. Il secondo problema legato alle luci è che l’illuminazione urbana è poca e di un colore giallo intenso. Escluderla non sarebbe stata una buona idea perchè avremmo tolto il fascino delle location isolando solo i soggetti, e ciò non ci piace!

Le tecniche fotografiche sono state diverse, per il primo scatto ho utilizzato il metodo che si chiama “open flash” che consiste nello scattare una lunga esposizione inserendo alla fine dello scatto un lampo del flash, così da poter avere esposta la parte buia della scena e nello stesso tempo congelare il soggetto.
Per le altre foto il metodo di lavoro è stato abbastanza simile, esposizioni in base alle luci ambiente e lampi di flash per compensare!
Non avendo allacci alla corrente elettrica tutto il lavoro è stato scattato con l’utilizzo di due flash a slitta NG 58 comandati da trigger e diffusi con ombrelli bianchi e pannelli riflettenti.

Ecco le foto principali:

 

fiume

CANON 5D MARK II | CANON 24 70 2,8 | ISO 320 f8 20″ | 1 SPEEDLIGHT

 

 

Ponte attacco

CANON 5D MARK II | CANON 24 70 2,8 | ISO 125  f8 1/160″ | 2 SPEEDLIGHT

 

 

3_Trio angolo

 

CANON 5D MARK II | CANON 24 70 2,8 | ISO 640 f7.1 1/160 |  2 SPEEDLIGHT

 

 

Scontro

 

CANON 5D MARK II | CANON 24 70 2,8 | ISO 640 f14 1/160″ |  2 SPEEDLIGHT

 

L’unica arma vincente di questo lavoro è stata l’organizzazione e la collaborazione di un gran numero di persone interessate al progetto. Abbiamo valutato assieme abiti, trucco e capelli in modo che il lavoro di squadra fosse al massimo, il morale alle stelle e le ragazze che hanno posato tutto sommato serene e a loro agio. Un progetto così ampio e difficoltoso necessita di un gruppo unito e di serenità! E per finire una buona birra in compagnia!

Ecco la gallery completa!

Alla prossima!!

 Luca

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About luca